Brienza poesia L'auciello - Generazione di cultura, esperienze, racconti

Vai ai contenuti

Menu principale:

N’ aucièllo
Io, ca’ me sentèvo ancora nu uaglione
affruntanno ‘a vita comm’ ‘a nu liòne
me so’ sèntuto strano e senza forze!
Possibile ca’ s’è fatta vecchia chesta scorza?
Nò nun è accussì! Sarrà forse l’emozione
dimane, s’ammarita la mia bella guagliona!

N’aucièllo spicca ‘o volo stammatina
va dint’ ‘a chiésa e po’ va a fa’ ‘o festino.
Guardanno sta figliòla in abito da sposa
me so’ venute in mente Madonna quanta cose!
Quanno era peccerella e steve pe murì.
Quanno de bambulelle io, le facevo ‘o zì!

Quanno pe ‘ncopp’ ‘o lietto, cu me faceva ‘a lotta!
Quanno pe’ dispietto sbatteva forte ‘a porta.
Quanno signurenella se vuleva fa’ guardà!
Quanno ‘o nammurato me vulette presentà!
St’aucièllo lascia ‘a cajòla che malincunia
Iolanda … se ne ghiuta ‘a dint’ ‘a casa mia!
Gianfranco
Un uccellino
Io, che mi sentivo ancora un ragazzo
affrontando la vita come un leone
mi sono sentito strano e senza forze!
Possibile che si é fatta vecchia questa scorza?
No, non é così ! Sarà forse l'emozione
domani, si sposa la mia bella ragazza!

Un uccello spicca il volo stamattina
va in chiesa e poi va a fare il festino.
Guardando questa figliuola in abito da sposa
mi son venute in mente Madonna quante cose!
Quando era piccolina e stava per morire.
Quando due bamboline io, le facevo "o zì "!

Quando sul letto , con me faceva la lotta!
Quando per dispetto sbatteva forte la porta.
Quando signorinetta si voleva fare guardare!
Quando l'innamorato mi volle presentare!
Questo uccello lascia la gabbia che malinconia
Iolanda... se ne andata da casa mia.
Gianfranco.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu