Brienza poesia A Napule e pianine - Generazione di cultura, esperienze, racconti

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il pianino era una caratteristica di Napoli consistente in un organetto a cilindro forato che veniva trainato per la città. Era una specie di carillon che veniva caricato a molle attraverso una manovella. Questa poesia ne rende molto bene l'immagine che richiama una famiglia che vive con i proventi di questo strumento. Le "copielle" sono dei foglietti con il testo delle canzoni.
Napule e pianine
Nu pianino saglieva pe San Gaetano
Isso ‘o tirava e ‘a mugliera vuttava
‘a peccerella sempe stesa ‘a mano!
Don Ciro girava spisso a manuvella
carrecava ‘a molla ca’ faceva gira’
‘o cilindro, facenno a canzuncella.
Canzone e festival faceveno sentì
Vesuvio, Lazzarella o Maria marì.
A gente s’accattavano ‘e cupièlle
cantanne cu ‘o pianino e riturnelle!
Gianfranco
Napule e pianine
Una pianola saliva per San Gaetano
Lui lo tirava e la moglie spingeva
la piccolina sempre tendeva la mano!
Don Ciro girava spesso la manovella
caricava la molla che faceva girare
il cilindro, facendo la canzoncella.
Canzone di festival facevano sentire
Vesuvio, Lazzarella o Maria Marì.
La gente comprava le copiette
cantando col pianino i ritornelli.
Gianfranco.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu