Costantino. Tanti anni in canile, poco in famiglia. - Racconti, cultura, collezione, vendita

Vai ai contenuti
Logo sito web
La commovente storia di Costantino segnalata su Fb da Francesca Romana e Flavio.
Un esempio di amore per i nostri amici animali certamente da imitare.
Riceviamo da Francesca Romana e Flavio questo commovente racconto di Costantino che ha potuto godere di una famiglia soltanto per pochi giorni prima di lasciarci.
Cosa sono 10 giorni rispetto a 10 anni? Ve lo dice Costantino cosa sono.
Una casetta di legno tutta per me con una coperta di lana dentro, avere un giardino a disposizione, avere due amiche che mi hanno rispettato, scoprire che c’è una casa, e dentro fa caldo e c’è un bel materasso, una ciotola d’acqua fresca e pulita, grattare il materasso che faccio vedere quanto sono lupo dentro, rubare il gioco a Nikita, dormire sulle gambe di mamma, pisciare in casa e non essere sgridato, avere un osso tutto mio, giocare con la palla, salire sul divano, scoprire che c’è una stanza che si chiama cucina dove si crea il cibo, mangiare ogni ben di Dio, crocchette di alta qualità, carne macinata, carne in scatola di qualsiasi genere, omogeneizzati di tutti i gusti, avere la mia medaglietta come un cane di famiglia, prendere i ritmi di una casa, abbaiare di gioia quando si va a passeggiare, scoprire questo posto con tutti i suoi odori e i colori...ecco tutto questo sono i miei 10 giorni.
Dei 10 anni, ricordo solo la gabbia, i croccantini lasciati nella ciotola, qualche coraggioso volontario che mi portava fuori, 10 anni di questo. Freddo intenso, caldo soffocante e qualche viso gentile, ma sempre e solo gabbia. Ora sono libero, dalla gabbia e dai dolori, me la sarei davvero voluta vivere di più, me la godevo alla grande, ma così va il mondo dicono. Ho avuto una famiglia che mi ha amato e mi ha voluto come ero, io Costantino del sequestro di Riano, quello che aveva due palle così in tutti i sensi e credetemi l’ho dimostrato fino alla fine.


 Pulsante stampa  Pulsante vai a elenco
  
Torna ai contenuti