Dore poesia - Generazione di cultura, esperienze, racconti

Vai ai contenuti

Menu principale:

Ricordi
In vampe infocate
ho io bruciato
del tutto il passato.
Perché rammemorarlo?
Di sotto la cenere…
è un’anima morta!
Il ricordo …
caduto nell’oblio!
Ma nulla è rimasto?
La tenue, flebile scintilla,
apparsa nella brace,
fa intender ogni dì
che qualcosa … pure s’è fermata,
sebbene sia spenta,
simile ad un sogno
ch’è tutto lievità.
È il nascere! Non vuol morire!
Cari ricordi …
Son essi racchiusi
in arnia, vetusta,
colma di cera …e miele amaro!
(Billia Dore, Ploaghe)
Ammentos
In vampas infogadas
hapo brujadu
totu su passadu.
Laite l’ammentare?
Sutta su chijina…
est un’anima morta!
S’ammentu …
in s’ismentigu ruttu!
Nudda est’abbarradu?
Lezera, piedosa
instinchidda
apparid’in sa braja,
m’ammonit donzi die
chi calchi cosa …s’est puru firmada.
Mesu …mesu ischidada
comente unu sognu
ch’est totu lebiesa.
Est su naschere … chi non cheret morrer!
Caros ammentos …
Sun tot’imboligados
intr’unu bugn ‘ezzu,
plenu de chera e mele amaru!
(Billia Dore, Ploaghe)
 
Torna ai contenuti | Torna al menu