I missili a Cuba - Racconti, cultura, collezione, vendita

Vai ai contenuti
Logo sito web
I missili a Cuba.
un ricordo di Renato Gioja
Cuba era stata governata da Fulgencio Batista fino alla rivoluzione armata che nel 1959 vide Fidel Castro instaurare un sistema egualitario ispirato ai valori marxisti. La ribellione ad un sistema che aveva destinato l’isola verso il turismo più abbiente ed i relativi interessi ma che nulla dava al benessere popolare ebbe inizio nel 1953 per poi arrivare alla vittoria nel 1959. Lo sconvolgimento di quel sistema poteva restare un fatto interno, forse anche tipico di quelle zone, ma assunse valore rilevante nel momento in cui Castro avvicinò la nuova Cuba all’area sovietica generando un pericolo per gli U.S.A. che mai avevano avuto una minaccia così vicina ai loro confini. Fu attuato un tentativo di rovesciare il governo di Fidel Castro attraverso uno sbarco armato di fuoriusciti cubani che, dopo tre giorni di combattimento, furono però respinti. Si trattò di un maldestro piano d’invasione affidato alla CIA che ancora oggi viene ricordato come lo sbarco della Baia dei Porci. Una figuraccia. Peggio fu quando dalle ricognizioni aeree fu scoperto che sull’isola si stavano costruendo rampe per il lancio di missili sui quali, tra l’altro, potevano essere montate testate nucleari. Era il 1962 quando comprai un giornale per la prima volta e lo feci perché si stava verificando un momento davvero grave col rischio concreto di una possibile ed imminente guerra mondiale. Il presidente Kennedy aveva illustrato in seduta pubblica internazionale l’esistenza delle installazioni missilistiche accusando duramente l’Unione Sovietica di attentare agli Stati Uniti e denunciando che vi erano navi russe in rotta verso Cuba per la fornitura di missili. Lo scontro era imminente perché gli U.S.A. avevano già creato uno sbarramento navale per impedire il passaggio verso l’isola e sarebbe bastato anche un singolo atto di guerra per avviare le reciproche ritorsioni. Si erano levati in volo i bombardieri B52 con il loro armamento nucleare per un’azione contro la Russia e giravano nei cieli senza sosta e con rifornimento in aria. Qualsiasi nave si fosse avvicinata a Cuba sarebbe stata respinta ma le navi sovietiche non avevano nessuna intenzione di fermarsi. Fu un atto di forza spinto al massimo. Fortunatamente non successe nulla e le navi sovietiche fecero retromarcia ma tutto il mondo si rese conto di quanto fosse pericoloso quel clima di tensione continua che ormai da anni vigeva tra i due blocchi. Si seppe poi che l'episodio di Cuba era in contrapposizione al programma di potenziamento delle basi missilistiche della NATO in Italia ed in Turchia e che avrebbe ripristinato quell'equilibrio tra le parti che era garanzia per il mantenimento della pace. Benché fosse una pace sostenuta dalle armi era comunque un dissuasore della guerra.
 Pulsante stampa  Pulsante vai a elenco
Torna ai contenuti