Renato. Quali attimi. - Racconti, cultura, collezione, vendita

Vai ai contenuti
Quali attimi
 
Quali attimi
potrò mai dedicarmi,
se la mente
si allontana tra le stelle,
e più non odo richiami,
e più giaccio indifferente.
Essere ancora qui
con il segreto egoismo
di voler ancora volare
nella notte tenue.
E’ stato corto
il tempo delle viole,
saranno brevi
i ritorni ridenti
in un viaggio che è trascorso.
Ombre nel vento,
è primavera che vi ospita
o grigio è il vostro tempo?
Quel tempo lento che noi
non conosciamo
sarà lungo, sarà breve,
mentre l’ombra sale
e,  come l’alba, ritorna
e come la sera si spegne.
Ci porta lontano il tempo.
Dal bicchiere abbiamo bevuto
piccoli sorsi,
sorsi veloci,
infine sorsi lenti, leggeri.
Sul fondo,
la conoscenza appare,
inutilmente.
R.Gioja
 
Torna ai contenuti